Home / Geopolitica / <strong>MACRON CONSERVA L’ELISEO</strong>

MACRON CONSERVA L’ELISEO

Elezioni Francia, Macron vince con il 58,55%, Le Pen al 41,45%

Macron vince ma perde consensi, il paradosso del neo eletto Presidente francese che sebbene trionfa nel secondo round delle elezioni del 24 aprile riceve una debacle politica ed elettorale rispetto al 2017 quando le elezioni portarono il presidente appena eletto a ottenere anche la maggioranza assoluta all’Assemblea nazionale.

Macron deve fare i conti col fatto che è ormai profondamente impopolare in buona parte della società francese. Vince solo perché la scelta Marine Le Pen da parte dei francesi è stata considerata inaccettabile dalla maggioranza di coloro che si sono recati alle urne.

Il voto dimostra che la Francia è divisa. Macron deve fare i conti col fatto che è ormai profondamente impopolare in buona parte della società francese. il voto popolare, quello del malessere dei meno integrati, cioè quello dei giovani (ottenendo soprattutto il voto dei giovani musulmani) delle periferie.

Una base elettorale ristretta; di fatto, ormai conta su un elettorato di centro destra, quello che votava Chirac e Sarkozy.

Invece Marine Le Pen perde, ma cresce… spostata verso il centro è riuscita a farsi accettare da una buona parte di elettorato che non la si definisce più leader di estrema destra. E se non ha vinto è perché durante il dibattitto televisivo ha lasciato che Macron la mettesse all’angolo… non è riuscita ad accreditarsi come una figura politicamente seria da aspirare alla presidenza.

Queste elezioni hanno stabilito che ad avanzare in Francia è il “grande partitodegli astensionisti. Questo fa parte di una crisi più generale, quella dei partiti politici. I repubblicani, socialisti, comunisti, ambientalisti sono stati tutti sconfitti perché sono oramai i movimenti che determinano la vita politica francese in quanto non radicati sul terreno, non hanno sedi politiche, militanti come un tempo… sono volatili per definizione,  ed è per questo che il loro voto non è più d’appartenenza ma di malcontento… quindi si protende per il cambiamento… in quando… cambiamento».