Home / Geopolitica / LE PRIME RIVOLTE PER IL PANE ED IL CAROVITA

LE PRIME RIVOLTE PER IL PANE ED IL CAROVITA

Oltre lo Sri Lanka colpito dalle rivolte per la fame, anche l’Iran vede manifestazioni violente per l’aumento dei prezzi del pane e degli altri beni di prima necessità.

Il tasso di inflazione ufficiale dell’Iran è di circa il 25% e quasi la metà degli 82 milioni di abitanti dell’Iran sono ora al di sotto della soglia di povertà.

La più grande protesta si è svolta a Dezful, nella provincia sudoccidentale del Khuzestan, ricca di petrolio, dove circa 300 persone sono state disperse dalle forze di sicurezza.

Invece, circa 200 persone hanno manifestato giovedì a Shahr-e Kord a Chaharmahal e nella provincia di Bakhtiari nell’Iran occidentale altri disordini si erano diffusi venerdì in città tra cui Ardabil nel nord-ovest, Rasht nel nord e Iranshahr nel sud-est.

Le proteste sono state innescate oltre che dal taglio dei sussidi governativi anche per l’aumento per il grano importato con aumenti dei prezzi fino al 300% per una varietà di prodotti di base a base di farina.

Il governo attribuisce la violenza di questi eventi a misteriose “Forze esterne”.